Viaggio in Austria - La cucina austriaca
Viaggio in Austria - La cucina austriaca

I vini dell'Austria

Vienna Tutte le regioni dell'Austria Società austriaca Gli austriaci Letteratura austriaca Cultura austiaca Musica Storia dell'Austria
Condividere su Facebook Condividere su Twitter
Condividere su Facebook Condividere su Twitter


Una zona di viticultura nella regione di Stiria
Una zona di viticultura nella regione di Stiria
foto:
Hermann A.M. Mucke
Articolo di Daniele Brina.

I vini austriaci in breve:

Alla scoperta dei vini austriaci:

Le zone di viticoltura in Austria
Le zone di viticoltura in Austria, con indicazione degli ettari (HA) coltivati: Niederösterreich (Bassa Austria), Wien (Vienna), Steiermark (Stiria) e Burgenland
cartina: www.oesterreichwein.at
In Austria esistono numerose Weinstrassen (strade del vino); le più note si trovano nella Burgenland, nella Bassa Austria e in particolare nella regione della Stiria. Autentici itinerari dedicati a questa bevanda per una lunghezza complessiva di oltre 250 km; i percorsi consentono di attraversare città come Graz, borghi e località come Klock, Fürstenfeld, Bad Radkersburg e sostare su morbide colline ricoperte di vigneti dove pullulano i Buschenschenken, ovvero i tipici agriturismi austriaci, dove degustare e assaporare vini locali oltre a prodotti gastronomici.

Il vino austriaco ha una lunga tradizione:

Nel Medioevo furono soprattutto i monasteri come Melk, Heiligenkreuz, Göttweig, Güssing nonché gli episcopati, come quello di Salisburgo che possedeva vigneti nella zona della Wachau ad avere il miglior primato nella produzione vinicola. Alcuni terreni sono rinomati da allora come pregiati vitigni: Pfaffenberg e Sandgrube, non lontani da Krems, furono degni di menzione già a partire dall’XI secolo.

Del resto è proprio in Austria che venne fondata la prima scuola di enologia al mondo: un’istituzione che designò l’unità di misura dei gradi del vino. Siamo a Klosterneuburg nel 1860.
Vini austriaci
Dal 1985, tutti i vini austriaci di qualità devono avere questa stampa sul tappo, con i colori dell'Austria.
foto:
Tomaser

I vini più importanti dell'Austria:

Le aree destinate alla vite si sono oggi ridotte a vantaggio della qualità del prodotto finale. La produzione è ricavata per la maggior parte da uve monovitigno di circa 25 varietà diverse, quasi tutte bianche per la verità. La gradazione media dei vini austriaci si aggira intorno agli 11-12 gradi, ma ve ne sono alcuni che raggiungono i 13-14. Il vitigno più diffuso è il Grüner Veltliner, un bianco della zona di Vienna, nella Bassa Austria. Viene vinificato come Qualitätwein, poco invecchiato e dal sapore speziato. Ha una gradazione che fluttua dai 9 gradi per i bianchi agli 8 per i rossi. Il Grüner Veltliner va d’accordo con molte pietanze, raffinate o semplici. Vinificato invece come vino dolce senza aggiunta di succo d’uva, ovvero Prädikatswein, può invece invecchiare per molti anni.

Il più famoso Müller Thurgau, è un vitigno creato alla fine dell’Ottocento mediante alcuni incroci; si tratta di un vino fresco, favorevole alla stagione estiva con un leggero gusto di noce moscata e con un colore variabile dal bianco carta al paglierino.

Esiste poi il Rheinriesling, il Riesling renano, apostrofato in genere come il re dei vini bianchi. È tipico soprattutto della regione del Donauland e di Vienna. Questo preparato si concede ad un buon invecchiamento oltre ad offrire una discreta acidità e un retrogusto amarognolo e asciutto.
Due famosi vini austriaci: il Silvaner e il Grüner Veltliner   Due famosi vini austriaci: il Silvaner e il Grüner Veltliner  
Due famosi vini austriaci: il Silvaner e il Grüner Veltliner
foto: Lexikus / Mussklprozz
Completamente diverso è invece il Welschriesling, dal colore che va dal giallo oro all’ambrato, con un aroma fruttato e delicato, un sapore quasi morbido; va gustato molto giovane. Il Sauvignon Blanc viene prodotto nella Stiria meridionale e nelle zone del Neusiedlersee; anch’esso viene monitorato soprattutto nel suo grado di acidità e nel saper conservare un gusto fruttato. La Stiria è anche la regione dello Schilcher, un rosato o rosso chiaro, secco, ma leggero e un po’ acido e il bianco Gewürztraminer. Esiste anche il Morillon ovvero lo Chardonnay in salsa austriaca che propone due varianti: quella diciamo più tradizionale e rustica che mantiene un aroma forte, decisivo e una certa acidità; l’altra che, attraverso specifiche procedure, viene edulcorata per offrire un gusto più leggero e meno aspro.

I rossi sono una prerogativa del Burgenland, o meglio da lì si dice vengano quelli migliori. Ve ne sono di diversi tipi come il Blaufränkisch, il Beerenauslese, il Trockenbeerenauslese. Il primo viene descritto come un rosso sapido, con forti note speziate ideali per le serate invernali; gli altri due sono vini dolci ottenuti da acini colpiti da muffe particolari in grado di favorire la perdita d’acqua nell’acino e dunque l’accumulo di zuccheri. Il vitigno rosso più diffuso in Austria sembra essere lo Zweigelt, in particolare il Blauer Zweigelt, un incrocio fra il St. Laurent e il Blaufränkisch; l’aroma è ricco e il gusto pastoso da accompagnare con carne e formaggi. Non va poi dimenticato il novello a semifermentazione commercializzato soprattutto in autunno, lo Sturm; vino leggero dal gusto gradevole, ma dal tenore alcolico medio alto.

Oltre a bar e ristoranti un locale alternativo per buone degustazioni è l’Heuriger, una sorta di taverna o osteria. In passato era un luogo attiguo alle cantine che il produttore apriva al pubblico per la degustazione di vini prima di un eventuale acquisto. Per tutti gli appassionati, ma non solo, l’Austria rappresenta dunque un piccolo paradiso enologico; non resta che dire: Prosit!

Testo: Daniele Brina
Vini austriaci
Un vecchio torchio per il vino, nella piazza di Lutzmannsburg, un paese nella regione Burgenland.
foto:
Kobako

Argomenti correlati:

Tour culinarie a Vienna:

Vedi anche:

Specialità austriache   Cucina austriaca - le ricette   Comprendere il menu in Germania, Austria e Svizzera   La cucina tedesca  
Libri per esplorare
la cucina austriaca e tedesca
Scrivi un commento...
Finora non ci sono commenti


© 2021 Wolfgang Pruscha

Contatto - copyright - privacy