Storia dellì'Austria

La trilogia di Sissi - fiction e realtà
3a parte: "Sissi, destino di un'imperatrice"

Home  E-mail a 'Viaggio in Austria' Condividere su Facebook
La Principessa Sissi   Sissi - La Giovane Imperatrice  Sissi - Il Destino Di Un'imperatrice
La trilogia di Sissi in DVD
Cliccate sulle copertine dei DVD per saperne di più.

Francesco Giuseppe, Elisabetta, Elena e il conte Andrassy

Nella prima parte del terzo film si racconta di una festa a Vienna, durante la quale Francesco incontra dopo due anni Elena, la sorella di Sissi rifiutata da lui come sposa, che gli confessa che non potrà mai amare un altro uomo al di fuori di lui. Nello stesso momento Sissi è a una festa a Budapest, durante la quale il conte Andrassy dichiara a Sissi di essere innamorato di lei dal primo momento che l'ha vista. Nel film, queste due confessioni ricordano sia a Francesco che a Sissi quanto si amano veramente. Sissi riparte subito da Budapest e corre a Vienna dove, ritornata nelle braccia di Francesco, l'idillio del loro matrimonio continua più bello che mai.


Il conte ungherese Andrassy dichiara il suo amore per Sissi
I fotogrammi in questa pagina sono tutti del film: "Sissi - il destino di un'imperatrice".

Una commovente invenzione cinematografica, ma falsa. Perché Elena non ha mai rimpianto il mancato matrimonio con Francesco, anzi è sempre stata l'amica e la complice più fedele di Elisabetta: le due sorelle si amavano incondizionatamente. Inoltre, il matrimonio di Elena con il principe ereditario di Thurn e Taxis era molto più felice della triste esperienza di Sissi. Elena non ebbe proprio nessun motivo per rimpiangere Francesco.

Che il principe ungherese Andrassy avesse preso una cotta per Elisabetta è invece probabile, ma, a differenza del film, è altrettanto probabile che anche da parte di Elisabetta ci fosse molto più di una normale amicizia. Ed è comprensibile  perché il suo matrimonio con Francesco era da tempo in una profonda crisi e il giovane e affascinante conte ungherese aveva molto più in comune con Elisabetta del marito che sembrava vivere in un altro mondo.

La grave malattia di Sissi e il soggiorno a Madeira

Ma torniamo al film. Come già detto, dopo il ritorno di Elisabetta a Vienna l'idillio del loro matrimonio continua più bello che mai - o meglio: continuerebbe, se non ci fossero i primi sintomi di una grave malattia dei polmoni che colpisce Elisabetta. Il film suggerisce come possibile causa della malattia il fatto che una zingara aveva gettato per sbaglio un secchio di acqua fredda su Elisabetta. Lo stato di Sissi peggiora sempre di più e i medici ritengono addirittura possibile una brutta fine per Sissi, consigliando come rimedio un soggiorno di cura all'isola di Madeira. Ma il soggiorno a Madeira non porta a nessun miglioramento e Elisabetta diventa sempre più triste nonostante il premuroso marito avesse dato ordine di portare a Elisabetta ogni giorno i fiori più belli dell'isola.

 
Sissi a Madeira: prima sta male, ma poi arriva la mamma e miracolosamente guarisce

Finché non appare a sorpresa la mamma che prende in mano la cura della figlia e la riporta in breve tempo a un ottimo stato di salute, al punto che dopo il suo ritorno a Vienna i medici scoprono con sorpresa che la malattia prima ritenuta molto grave è completamente sparita, senza lasciare traccia. Ed è di nuovo luna di miele tra Sissi e Franz.

La grave crisi del matrimonio

La realtà fu completamente diversa. Dopo sei anni il matrimonio di Sissi e Francesco era entrato in una grave crisi. Evidentemente l'imperatore, stanco delle eterne liti tra madre e moglie e della chiusura di Elisabetta nei suoi confronti, cominciò a cercare consolazione da altre parti: le voci che circolavano alla corte su avventure amorose di Francesco divennero sempre più consistenti. Alla corte le avventure galanti degli imperatori e degli altri uomini eccellenti erano sempre state tacitamente tollerate e visto che la corte non avevano mai amato Elisabetta, le simpatie erano tutte dalla parte di Francesco. Le mogli, almeno in passato, sapevano tutto ma tacevano. Elisabetta invece non resse più la pesante situazione e cominciò a sfidare apertamente il marito, la suocera e l'intera corte organizzando a raffica balli per i giovani aristocratici escludendo però dalla partecipazione le madri delle ragazze - una provocazione inaudita per la corte, legatissima alle tradizioni e ai riti tramandati.

Elisabetta conobbe la tragedia del matrimonio dei genitori (che il film continua a presentare come armonico e pieno di amore) nella quale la moglie per decenni dovette subire le umiliazioni del marito che coltivò apertamente e senza troppi scrupoli le sue avventure amorose portando addirittura a casa i suoi figli illegittimi. Sissi amava i genitori, ma allo stesso tempo aveva il terrore di finire come loro. Le sue crisi di nervi divennero più frequenti e il suo stato di salute (soffrì di attacchi di tosse) peggiorò, rafforzato, oltre che dal suo stato psichico estremamente instabile, da tre gravidanze in quattro anni, dalle eccessive e molti stancanti cavalcate di Elisabetta e soprattutto dalle sue continue "cure della fame" che anticiparono i problemi di anoressia che avrebbero caratterizzati gli ultimi decenni della sua vita.

La fuga a Madeira

Dopo una grave lite con Francesco nel luglio del 1860 e dopo una prima fuga a Possenhofen, dalla quale tornò solo - malvolentieri - per il compleanno di Francesco un mese dopo, lo stato di salute di Elisabetta peggiorò ulteriormente - o almeno così sembrava.

Uno dei medici di fiducia propose che Elisabetta, essendo addirittura in pericolo di vita, dovesse spostarsi subito in un clima più mite, cioè a Madeira. Una meta piuttosto strana perché l'isola portoghese, a ca. 4.000 km da Vienna, non era affatto conosciuta come località di cura per i problemi ai polmoni. La vicina Merano, nell'Alto Adige, sarebbe sicuramente stata più indicata. In realtà, era Elisabetta che voleva andare a Madeira, probabilmente proprio per la lontananza da Vienna.

Già all'epoca c'erano molti che supponevano invece un'origine psichica delle sue malattie. Infatti, non appena Elisabetta lasciò Vienna, la sua salute migliorò. Durante una sosta a Monaco di Baviera Elisabetta fece parecchie visite ai parenti che sembravano preoccupati più per la lontananza e la durata (6 mesi) del soggiorno di cura che per lo stato "gravissimo" di salute. E quando, dopo un lungo e faticoso viaggio di 3.000 km Elisabetta sbarcò da Lisbona per attraversare altre 1.000 km del tempestoso oceano atlantico, tutti i numerosi accompagnatori di Elisabetta stavano male, compresi i medici. L'unica che stava bene era proprio Elisabetta, dichiarata poco prima "in pericolo di vita".

A Madeira dove naturalmente non arrivarono mai i fiori quotidiani da parte del marito e nemmeno la mamma, Elisabetta dopo un po' soffrì più che altro di noia e sentì sempre di più la nostalgia per i figli rimasti in Austria. Dopo alcuni mesi scrisse a uno dei pochi amici che aveva a Vienna: "Se non fosse per i figli, l'idea di tornare a Vienna mi sarebbe del tutto insopportabile". Infine tornò lo stesso, pur ammettendo che "il primo tempo dopo il ritorno a Vienna non sarà per niente facile". E infatti, non erano ancora passati quattro giorni nel solito ostile ambiente della corte che gli attacchi di tosse e di febbre di Elisabetta divennero di nuovo preoccupanti. Elisabetta chiuse di nuovo la porta della sua camera da letto e preparò la prossima fuga da Vienna - questa volta all'isola greca di Corfù.

Una commedia all'italiana

La terza parte della trilogia si conclude con una specie di commedia all'italiana. Francesco deve recarsi nell'Italia settentrionale per dimostrare in prima persona il potere imperiale, contro lo spirito ribelle e anti-austriaco che si era diffuso tra Venezia e Milano.

Una delle scene veramente forti (e vere) del film si vede poco prima della fine: Francesco e Elisabetta attraversano in barca, con tutta la pompa imperiale e monarchica, il Canal Grande di Venezia e vengono accolti dai veneziani con gelida e silenziosa indifferenza. Infatti, il viaggio in Italia, nella realtà, finì con un nulla di fatto, cioè con un fallimento rispetto alle alte aspettative politiche.

Ma il film deve finire, per forza, con una grande festa - come i primi due della trilogia. Per renderlo possibile il regista ha avuto una grandiosa idea che, a seconda dei gusti, può far ridere o piangere: arrivati in Piazza San Marco Elisabetta e Francesco camminano verso la Basilica, circondati da una folla di gente sempre silenziosa e diffidente. All'improvviso appare, a sorpresa, la figlia che Elisabetta credeva ancora a Vienna. Elisabetta, sorpresa, la abbraccia affettuosamente e il cuore dei veneziani ribelli si scioglie. Dopo un primo grido "Evviva la mamma!" tutta la folla scoppia dall'entusiasmo e alla fine tutti si tolgono il cappello davanti alla coppia imperiale.


La scena che intenerisce persino i veneziani più ribelli (almeno nel film).

Poi dalla Basilica esce persino il Papa (un'altra astuta invenzione strappalacrime del regista) e sorride gentilmente a Francesco e Elisabetta. Si sente l'inno imperiale e tutti applaudono. Il film può finire.


Anche questa volta tutto finisce in bellezza -
che importa se nella realtà fu esattamene il contrario.

Sissi - 4a puntata?

Dopo l'incredibile successo dei primi tre film il regista Ernst Marischka voleva girare anche una quarta parte. Ma Romy Schneider, l'attrice che con la sua interpretazione ha reso famoso il film, si rifiutò. "Il ruolo di Sissi mi è rimasto appiccicato addosso come la colla per tutta la vita", si lamentò anni dopo in un intervista. E quando ricevette da Lucchino Visconti, nel 1972, l'offerta di rappresentare di nuovo Elisabetta d'Austria nel suo film "Ludwig" accettò subito, perché questo film le diede finalmente la possibilità di far vedere la vera Sissi. Vide la sua interpretazione di Sissi nel film di Visconti come una liberazione da una falsa immagine di Elisabetta - e di se stessa.

Sugli altri due film della trilogia:

La principessa Sissi
La trilogia di Sissi (1):
La principessa Sissi
Sissi, la giovane imperatrice
La trilogia di Sissi (2):
Sissi, la giovane imperatrice

La trilogia di Sissi in DVD:

La Principessa Sissi   Sissi - La Giovane Imperatrice  Sissi - Il Destino Di Un'imperatrice
Cliccate sulle copertine dei DVD
per saperne di più

Le altre pagine su Elisabetta d'Austria:

La trilogia di Sissi - fiction e realtà
Elisabetta d'Austria:
al di là dei miti e dei cliché
Sissi a Corfù
Sissi a Corfù:
la villa Achilleion

Le persone vicine a Elisabetta d'Austria:

Francesco Giuseppe I
Il marito:
Francesco Giuseppe I
Rodolfo d'Asburgo
Il figlio:
Rodolfo d'Asburgo
Massimiliano I
Il cognato:
Massimiliano I - re del Messico
 

Tra le numerose biografie di Sissi, le più affidabili sono:

Brigitte Hamann: Sissi
Sissi
di Brigitte Hamann
407 pag.
La vera storia della Principessa Sissi e dell'anarchico che la uccise
La vera storia della Principessa Sissi
e dell'anarchico che la uccise
di Renzo Castelli, 189 pag.

Per approfondire:

Storia dell'Austria  Giuseppe II  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria
Libri sulla storia dell'Austria
dagli inizi fino ad oggi
Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie
Storia e biografie
(libri)
Documentari sulla storia   Documentari sulla storia   Documentari sulla storia
Documentari sulla storia
(DVD e Blu-ray)

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...
commento Aggiungi un commento

Scopri anche tutte le pagine su:

La storia dell'Austria
La storia dell'Austria
La storia della Germania
La storia della Germania

Da non perdere:

Austria-shop
Austria-shop:
Libri, film, musica, T-shirt, vestiti tradizionali,
specialità culinarie austriache
L'Austria in Facebook
Facebook:
"Mi piace l'Austria"
Un gruppo di discussione simpatico e vivace

Il tedesco? Nessun problema!

Babbel.com:
Impara il tedesco facilmente, online e su dispositivi mobili
Registrati ora e prova gratuitamente babbel.com
Translated.net:
Traduzioni in 80 lingue - Consegna in 24 ore
Preventivo in 5 secondi

Consiglio:

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Copyright, privacy, contatto