Storia dellý'Austria

Sissi a Corf¨

Home  Tutti i capitoli di viaggio-in-austria.it Condividere su Facebook
La bellissima villa Achilleion nell'isola di Corf¨ (Grecia) era uno dei luoghi dove Sissi si ritirava quando non riusciva pi¨ a sopportare la corte di Vienna. Una villa e un parco che rispecchiano molti lati del suo carattere.
Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨
La villa Achilleion a Corf¨
foto:  Wolfgang Pruscha

Elisabetta e la Grecia

Elisabetta Amalia Eugenia di Wittelsbach, la futura imperatrice dell'Austria, nacque nel 1837 come quarta dei dieci figli del duca Massimiliano Giuseppe in Baviera e di Ludovica di Baviera, figlia del Grande Elettore Massimiliano di Wittelsbach. Trascorse un'infanzia felice e spensierata nelle residenze della famiglia a Monaco e nell'amato castello di Possenhofen. A 16 anni spos˛ Francesco Giuseppe, imperatore dell'Austria, e da quel momento la sua vita prese un brutta piega.

Dobbiamo immaginarci una sedicenne sradicata da un contesto familiare in cui si trovava a suo agio, buttata in una corte dove non conosceva nessuno, dove tutti la osservavano, la guardavano con scetticismo e la criticavano. Con un rigido protocollo di corte da seguire alla lettera che la soffocava e che la limitava al massimo. Con un marito che persino nelle due settimane della luna di miele era quasi sempre assente (lo vedeva solo di sera e di notte). Nelle prime settimane Elisabetta fu scossa da continue crisi di pianto e nel suo diario non scrisse soltanto poesie piene di nostalgia per la Baviera, ma anche poesie in cui rimpiangeva un suo precedente amore, un giovane conte che la famiglia di Sissi non voleva come marito. Il matrimonio si era subito trasformato in un incubo.

Sissi, che da bambina era "la salute in persona", dal primo giorno del matrimonio si ammal˛ e da quel momento le malattie la accompagnarono per tutta la vita. Furono delle malattie anche gravi (e strane) che i medici non riuscivano a capire, ma che la colpivano sempre in momenti di crisi. Ci vuole poco per capire la loro origine psicosomatica. Le malattie e le sempre pi¨ frequenti fughe da Vienna divennero per Elisabetta un modo per esprimere la sua ribellione contro la corte che odi˛ fin dal primo giorno e contro il marito che era indifferente nei confronti dei suoi problemi.

Nel 1861 partý per una delle sue fughe pi¨ lunghe e pi¨ lontane: per sei mesi a Madera, nel bel mezzo dell'Oceano Atlantico, a migliaia di chilometri da Vienna. Era partita da Vienna perchÚ i medici la consideravano addirittura "in fin di vita". Ma non appena si allontan˛ da Vienna e dall'imperatore guarý e subito dopo il suo ritorno si ammal˛ di nuovo. Poco prima aveva visitato per la prima volta l'isola greca di Corf¨ ed era rimasta incantata dalla bellezza del paesaggio. Ora torn˛ a Corf¨ dove trascorse tre mesi felici e riposanti.

Negli anni successivi torn˛ varie volte a Corf¨ e in altre parti della Grecia che divent˛ una specie di patria spirituale per lei. Studi˛ la lingua greca e la mitologia della Grecia antica. Il suo mondo, i suoi eroi e le sue eroine furono sempre di pi¨ fonte di ispirazione per l'imperatrice infelice che nel mondo in cui era costretta a vivere non si trov˛ pi¨ a suo agio.

La villa Achilleion e il suo parco

Nel 1889 Elisabetta decise di acquistare la villa della famiglia Vraila a Corf¨ che, nel 1861, l'aveva ospitata nel suo primo soggiorno nell'isola. La villa, situata a sud-ovest di Corf¨ presso il villaggio di Gastouri, fu di seguito ristrutturata, secondo le indicazioni di Elisabetta, e trasformata in un bellissimo palazzo in stile neoclassico a due piani, in stile pompeiano con elementi dorici, ionici e romani, con terrazze e un peristilio. Nel parco fece sistemare statue dei suoi poeti preferiti e soprattutto delle figure della mitologia classica. L'opera, affidata agli architetti italiani Rafaello Carito e Antonio Landi, fu terminata nel 1891. La proprietaria chiam˛ la sua villa "Achilleion" in onore di Achille, il suo eroe preferito dei poemi epici di Omero. Elisabetta am˛ molto la posizione dell'Achilleion che offre una vista panoramica della cittÓ di Corf¨, a nord, e sull'intera parte meridionale dell'isola.

Da quell'anno fino alla sua morte improvvisa nel 1998 Elisabetta torn˛ molto spesso a vivere per lunghi periodi in questa splendida villa, soprattutto in primavera e in autunno. Anche le due figlie Gisella e Maria Valeria vennero a trovarla, suo marito Francesco Giuseppe invece non si rec˛ mai a Corf¨. Durante i suoi soggiorni Elisabetta visitava l'isola intera, si occupava anche dei problemi locali e fu molto amata dagli abitanti di Corf¨. Fece costruire un serbatoio a Gastouri per facilitare la vita degli abitanti che spesso soffrivano di mancanza di acqua. In suo onore, la strada costiera principale fu chiamata, giÓ nel 1888, "Corso dell'imperatrice Elisabetta".

Visitare oggi questa villa e il suo splendido parco fa intuire, nonostante le modifiche applicate successivamente dall'imperatore tedesco Guglielmo II, molti tratti del carattere di Elisabetta (vedi a proposito le due pagine della galleria fotografica della villa Achilleion).
Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨
La terrazza della villa Achilleion a Corf¨
foto: Wolfgang Pruscha

Le modifiche applicate dall'imperatore tedesco Giuglielmo II

Dopo la morte di Elisabetta la villa fu acquistata, nel 1905, dall'imperatore tedesco Guglielmo II, anch'esso affascinato dalla bellezza dell'isola e della villa. Ma fece applicare delle modifiche che riflettono bene i due caratteri diametralmente opposti di Elisabetta e di Guglielmo II. Elisabetta aveva fatto mettere in un tempietto rotondo nel giardino una statua di Heinrich Heine, il suo poeta tedesco preferito, amato sia per il suo spirito romantico che per le sue opinioni politiche radicalmente democratiche. Guglielmo, che disprezzava Heine, fece rimuovere la statua e la sostituý con una di Elisabetta. La statua di Heine si trova oggi nel giardino botanico di Toulon, in Francia.

La modifica pi¨ vistosa Ŕ in realtÓ un'aggiunta. La statua pi¨ amata di Elisabetta era quella di Achille, collocata sulla grande terrazza del parco. Questa statua mostra l'eroe leggendario di Troia nel momento della sua morte quando cerca di togliersi la lancia dal suo tallone, unico punto vulnerabile del suo corpo. L'estremo realismo della rappresentazione del dolore rende l'opera particolarmente espressiva. Per Guglielmo questa statua era troppo poco eroica, la fece spostare in un'altra posizione e fece erigere al suo posto un'altra statua in bronzo di un "Achille trionfante", non proprio un'opera d'arte, ma molto monumentale: Ŕ alta 5,50 m che con la base arriva a 11,50 m e pesa 4,5 tonnellate (vedi la pagina con le foto delle due statue).

La villa Achilleion dalla prima guerra mondiale fino ad oggi

Durante la prima guerra mondiale l'Achilleion fu occupato dai francesi e dai serbi che lo trasformarono in un ospedale militare, lo stesso successe durante la seconda guerra mondiale da parte dei tedeschi e degli italiani.

Dopo il 1945 l'Achilleion cambi˛ proprietario varie volte, per trent'anni ospit˛ anche un casin˛, fino al 1993, quando la gestione pass˛ finalmente all'Ente Nazionale del Turismo Greco che aprý le sue porte a migliaia di visitatori ogni anno.

Galleria fotografica della villa Achilleion con molte altre informazioni:

Cliccate sulle miniature
per ingrandirle e per leggere le descrizioni.

Gli interni
della villa
Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨
Gli esterni
e il parco
della villa
Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨ Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨  Aquilleion - la villa di Sissi a Corf¨

Le altre pagine su Elisabetta d'Austria:

La trilogia di Sissi - fiction e realtÓ
La trilogia di Sissi:
fiction e realtÓ
La trilogia di Sissi - fiction e realtÓ
Elisabetta d'Austria:
al di lÓ dei miti e dei clichÚ

Le persone vicine a Elisabetta d'Austria:

Francesco Giuseppe I
Il marito:
Francesco Giuseppe I
Rodolfo d'Asburgo
Il figlio:
Rodolfo d'Asburgo
Massimiliano I
Il cognato:
Massimiliano I - re del Messico

Tra le numerose biografie di Sissi, le pi¨ affidabili sono:

Brigitte Hamann: Sissi
Sissi
di Brigitte Hamann
407 pag.
La vera storia della Principessa Sissi e dell'anarchico che la uccise
La vera storia della Principessa Sissi
e dell'anarchico che la uccise
di Renzo Castelli, 189 pag.

Per approfondire:

Storia dell'Austria  Giuseppe II  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria  Storia dell'Austria
Libri sulla storia dell'Austria
dagli inizi fino ad oggi
Libri di storia e biografie   Libri di storia e biografie
Storia e biografie
(libri)
Documentari sulla storia   Documentari sulla storia
Documentari sulla storia
(DVD e Blu-ray)

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti.
commento Aggiungi un commento

Scopri anche tutte le pagine su:

La storia dell'Austria
La storia dell'Austria
La storia della Germania
La storia della Germania

Da non perdere:

Austria-shop
Austria-shop:
Libri, film, musica, T-shirt, vestiti tradizionali,
specialitÓ culinarie austriache
L'Austria in Facebook
Facebook:
"Mi piace l'Austria"
Un gruppo di discussione simpatico e vivace

Il tedesco? Nessun problema!

Babbel.com:
Impara il tedesco facilmente, online e su dispositivi mobili
Registrati ora e prova gratuitamente babbel.com
Translated.net:
Traduzioni in 80 lingue - Consegna in 24 ore
Preventivo in 5 secondi

Consiglio:

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:

Per essere sempre aggiornati sulle novitÓ!

Home   Tutti i capitoli di viaggio-in-austria.it

Copyright, privacy, contatto