Viaggio in Austria - La storia dell'Austria
Viaggio in Austria - La storia dell'Austria

Il congresso di Vienna (1815)

Vienna Tutte le regioni dell'Austria Società austriaca Gli austriaci Letteratura austriaca Cultura austiaca Musica Storia dell'Austria
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Consiglia questo sito a un amico
Condividere su Facebook Condividere su Twitter Consiglia questo sito a un amico


Il Congresso di Vienna 1815
Il Congresso di Vienna in un dipinto di Jean-Baptiste Isabey (1767-1855)
fonte:
Wikimedia Commons

"Una visione spettacolare..."

"La città di Vienna offre ai presenti una visione spettacolare; tutta l'Europa è qui rappresentata dalle più illustri personalità. L'imperatore, con l'imperatrice e le grandi principesse di Russia, il re di Prussia con parecchi principi della sua casa, il re di Danimarca, i re ed i principi ereditari di Baviera e del Württemberg, i duchi ed i principi delle case di Meclemburgo, Sassonia-Weimar, Sassonia-Coburgo, Assia ecc., metà dei vecchi principi e dei conti dell'Impero, e poi un numero immenso di diplomatici provenienti dai più vari reami d'Europa. Tutto questo non fa che dar vita ad un movimento ed a una tale varietà di immagini ed avvenimenti che solo la straordinaria epoca, nella quale noi viviamo, sarebbe in grado di produrre. Gli affari di Stato nel frattempo, con lo sfondo di tali singolari cose, non stanno andando avanti affatto."

Così scrisse il segretario-generale del Congresso, il conte Friedrich von Gentz, in una lettera. Tra il 1814 e il 1815, durante i nove mesi di questo congresso internazionale, Vienna si trasformò nel centro non solo politico, ma anche mondano dell'Europa. Gli ospiti del Congresso, al quale presero parte le delegazioni diplomatiche di quasi tutte le nazioni europee, cercarono di rendere il soggiorno delle personalità d'alto rango il più piacevole possibile. I balli, i cortei, le gite in slitta, le parate militari, gli spettacoli d'opera, i concerti e ricevimenti diedero al Congresso una cornice fastosa che impressionava il pubblico. E così nacque la battuta con cui questo straordinario evento è noto ancora oggi: "Il Congresso danza, ma non avanza".

Perché questo congresso?

La "Battaglia delle Nazioni" presso Lipsia (1813)
La "Battaglia delle Nazioni" presso Lipsia (1813) che sigillò la sconfitta di Napoleone,
Quadro di Ernst Wilhelm Straßberger
La rivoluzione francese aveva scosso l'Europa, aveva spazzato via non solo la monarchia francese, ma aveva scombussolato, attraverso il suo erede Napoleone Bonaparte e le sue vittoriose armate, quasi tutti gli stati dell'Europa. Il venerabile Sacro Romano Impero, fondato dagli eredi di Carlo Magno 900 anni prima, si era sciolto come la neve nel sole. In molti stati d'Europa Napoleone abolì con un cenno di mano burocrazie secolari e introdusse un nuovo, moderno sistema di amministrazione e di diritto.

Ma la megalomania con cui Napoleone spinse i suoi soldati fino alle porte di Mosca lo fece diventare un nemico odiato non solo da tutti i rappresentanti della vecchia Europa, dall'aristocrazia e dalla chiesa cattolica, ma anche da tutti quelli che, delusi dall'esito della rivoluzione francese avevano sperato in un mondo migliore, magari ispirato da una salutare tempesta francese. Napoleone fu battuto sul campo di battaglia dalle forze congiunte di tutta l'Europa, ma l'Europa dell'epoca prima di Napoleone era irrecuperabilmente distrutta. In questa situazione ci voleva un grande Congresso per riordinare i regni andati a pezzi e questo Congresso poteva aver luogo solo a Vienna, nel centro del potere degli Asburgo che per secoli avevano regnato sul Sacro Romano Impero. Un impero che, pur essendo fragile e eternamente in lite con se stesso, aveva comunque rappresentato un simbolo in cui le monarchie offese da Napoleone si erano riconosciute.

Il Congresso danza...

Locandina del film "Der Kongress tanzt" (1931)
Locandina del film tedesco "Der Kongress tanzt" (1931) che si ispira al lato mondano dell'evento storico
fonte:
Wikimedia Commons
Nei nove mesi del Congresso molti viennesi avevano l'impressione che Vienna si fosse trasformata in una gigantesca kermesse dell'aristocrazia di tutta l'Europa che non faceva altro che organizzare feste e balli. La facciata splendente che i regnanti dell'Europa crearono intorno a questo evento fu veramente impressionante. Ma dopo l'umiliazione da parte di Napoleone lo splendore delle vecchie monarchie doveva rinascere come prima e mostrarsi in tutto il suo fasto. Circa 100.000 ospiti da quasi 200 stati, ducati, principati e città indipendenti affollarono Vienna. I costi dell'evento, sopportati quasi esclusivamente dalle casse del governo austriaco, furono enormi. Ma per gli abitanti di Vienna, il grande spettacolo ebbe anche dei lati decisamente negativi: i centomila ospiti, per lo più ricchi e spendaccioni, volevano mangiare, spendere e divertirsi e questo fece aumentare i prezzi anche per la popolazione locale. Viveri, servizi, combustibili e affitti divennero sempre più cari. Dall'altra parte c'erano naturalmente molti (imprenditori, commercianti, padroni di casa ... e prostitute) per i quali questo Congresso fu come una manna caduta dal cielo.
Focus Storia
Focus Storia
Focus Storia

Ma il Congresso fa anche politica...

Il Principe di Metternich (1773-1859)
Il Principe di Metternich (1773-1859), capo e stratega della delegazione austriaca al congresso di Vienna. Fu uno dei diplomati più astuti e influenti dell'epoca. Quadro di Thomas Lawrence (1820-1825 circa), Kunsthistorisches Museum, Wien
fonte:
Wikimedia Commons
Ma dietro la facciata allegra e festosa si faceva politica sul serio. Furono soprattutto le cinque grandi potenze dell'Europa (Russia, Inghilterra, Austria, Prussia e Francia) a decidere sui contenuti degli atti ufficiali del Congresso. Paesi, provincie e città furono spostati qua e là, spartiti fra principi e monarchi, senza tenere conto in nessun modo delle conseguenze politiche, economiche o culturali che ciò poteva avere. Le discussioni non furono sempre pacifiche, anzi, a un certo punto della conferenza una nuova guerra, questa volta tra gli ex-alleati contro Napoleone, fu più vicina di un documento di pace condiviso da tutti.

Ma alla fine si trovò un accordo e i risultati politici più importanti furono: In una parola: il Congresso di Vienna inaugurò il periodo della "Restaurazione" che durò fino al 1848 quando le rivolte democratiche in tutta l'Europa rovesciarono il labile equilibrio politico creato dal Congresso di Vienna. Ma questa è un'altra storia.

Sul Principe di Metternich:

Libri per la scuola
Libri universitari

Potrebbero interessarti anche:

La storia dell'Austria
La storia
dell'Austria
L'impero asburgico
L'impero
asburgico
Maria Teresa d'Austria
Maria Teresa
d'Austria
Francesco Giuseppe
Francesco
Giuseppe

Sissi   Giuseppe II   Rodolfo d'Asburgo   Storia dell'Austria  
Altri libri sulla storia dell'Austria
dagli inizi fino ad oggi
Scrivi un commento...
Finora non ci sono commenti

© 2022 Wolfgang Pruscha

Contatto - copyright - privacy