Viaggio in Austria - Vacanze in Austria

Il palazzo della Secessione

Condividere su Facebook
Il Palazzo della Secessione, disegnato nel 1897 dall'architetto Joseph Maria Olbrich
come manifesto del movimento della Secessione è uno dei capolavori architettonici dello "Stile Liberty" a Vienna.
Vienna, palazzo della Secessione
Il Palazzo della Secessione a Vienna
foto:  Gryffindor

Il movimento della Secessione:

All'inizio del '900 nacque a Vienna una nuova associazione artistica dal nome "Secessione", con il motto: "Der Zeit ihre Kunst, der Kunst ihre Freiheit" ("A ogni epoca la sua arte, all'arte la sua libertà"). Di questo nuovo movimento artistico facevano parte i pittori Gustav Klimt e Egon Schiele, gli architetti Otto Wagner e Joseph Maria Olbrich e molti altri ancora che si inserirono in quel nuovo stile artistico chiamato anche "Art Nouveau", "Stile Liberty" o "Jugendstil" diffuso in tutta l'Europa e negli Stati Uniti. Questo stile interessò, tra il 1890 e 1910, le arti figurative, l'architettura e le arti applicate. In quegli anni gli artisti della Secessione viennese influenzarono profondamente il volto della città.
Vienna, palazzo della Secessione
L'entrata del Palazzo della Secessione
foto:  Gryffindor

La costruzione del palazzo:

Quando il palazzo fu costruito (1897-1898, architetto: Joseph Maria Olbrich), fu accolto con orrore dai rappresentanti dell'architettura tradizionale e da molti viennesi. I critici dissero che assomigliasse di più a un "gabinetto pubblico" o a un "magazzino" che a un palazzo di esposizioni d'arte. Infatti, il palazzo non era soltanto la sede del movimento della Secessione, doveva anche accogliere le esposizioni dell'avanguardia viennese rifiutata e denigrata dall'arte "ufficiale", fissata sulla concezione più tradizionale dello storicismo e del Biedermeier. Oggi il Palazzo è una delle attrazioni di Vienna più visitate ed è ritenuto uno dei capolavori architettonici dello "Stile Liberty" a Vienna.

La cupola è costituita da 3.000 foglie di alloro in metallo dorato. L'iscrizione dice: "Der Zeit ihre Kunst, der Kunst ihre Freiheit" ("A ogni epoca la sua arte, all'arte la sua libertà")
Vienna, palazzo della Secessione
sopra e sotto:
due particolari del Fregio di Beethoven di Klimt
Vienna, palazzo della Secessione
foto: Hans Bug

Il "Beethovenfries":

Il Fregio di Beethoven è un ciclo di immagini dipinto da Gustav Klimt, lungo 34 metri e alto 2 metri, disposto su 3 pareti di una sala interna del Palazzo della Secessione. Si ispira ad alcuni motivi della nona sinfonia di Beethoven e fu collocato nel palazzo nel 1902, per una mostra che rendeva omaggio al compositore tedesco Ludwig van Beethoven.

Informazioni utili per i visitatori:

Banner 750x350

Per saperne di più:

Visite guidate, tour, attività:

Altre proposte >>

Hotel, pensioni e Bed and Breakfast a Vienna
Hotel, pensioni e B&B
a Vienna
Appartamenti di vacanza a Vienna
Appartamenti di vacanza
a Vienna
Voli dall'Italia a Vienna
Voli dall'Italia
a Vienna
Noleggio auto in Austria
Autonoleggio
in Austria


Guida Austria   Guida Austria   Guida Vienna   Vienna - DVD   Ciclovia del Danubio, da Passau a Vienna
Guide, carte stradali e DVD
di Vienna e dell'Austria

Com'è il tempo a Vienna?

WetterOnline
Wien
Temperature e precipitazioni medie a Vienna
fonte: Wikipedia

Altre informazioni utili:

Che tempo fa in Austria?
Il tempo in altre città
dell'Austria
Geografie dell'Austria
La geografia
dell'Austria
I pedaggi in Austria
Pedaggi autostradali
in Austria


Scrivi qui un commento...
Finora non ci sono commenti...

Scopri di più su:

Vienna - capitale dell'Austria
Vienna - capitale dell'Austria
Tutte le città e regioni dell'Austria
Tutte le città e regioni dell'Austria
Austria-shop
Austria-shop:
libri, film, musica, T-shirt,
vestiti tradizionali, prodotti tipici
L'Austria in Facebook
Facebook:
"Mi piace l'Austria"
un gruppo simpatico e vivace

Impara il tedesco online e su dispositivi mobili
Impara il tedesco online
e su dispositivi mobili
Traduzioni in 80 lingue
Traduzioni in 80 lingue
consegna in 24h

Per essere sempre aggiornati sulle novità


Copyright, privacy, contatto