Viaggio in Austria - letteratura e cultura

Rainer Maria Rilke: "Elegie Duinesi"

Tesi di laurea di Veronica Borsari.
Rainer Maria Rilke
Rainer Maria Rilke (1875-1926)

Informazioni generali:

Titolo della tesi:
Tacere l'indicibile: le Elegie Duinesi di Rainer Rilke

Autrice:
Veronica Borsari

Università:
Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Lettere e Filosofia, corso di laurea in Lingue e culture europee

Anno di scrittura:
2009

L'abstract della tesi:

La tesi parte dalla lettura delle Duiniser Elegien, l’opera poetica che Rilke termina di comporre nel 1922. Il presente lavoro si è proposto di investigare alcune delle figure che il poeta utilizza nel corso di tutte le dieci elegie: gli amanti, il bambino, gli acrobati, gli eroi, la marionetta, il ballerino, l’animale, e la figura che sovrasta tutte le altre, quella dell’angelo.

Tenendo poi ben presente il fatto che Rilke stesso dichiara che la lingua riserva per l’uomo un largo spazio di indicibilità, abbiamo cercato di dimostrare come nelle Elegie Duinesi egli riesca in ogni modo a dire molte cose, a trasmettere con le parole molti concetti ed idee, sebbene come abbiamo appunto sottolineato, egli sia consapevole della limitatezza della lingua di cui fa uso.

Abbiamo quindi voluto interpretare le figure, che Rilke porta in scena nelle Elegie, come delle figure mitologiche, riprendendo la visione dell’ inversione mitopoietica che Hans Georg Gadamer dà dell’opera rilkiana. Si è tentato quindi di mettere in luce come Rilke riesca a trasporre nelle Elegie molto dire poetico, appoggiandosi sulla tecnica della mitopoiesi. Rilke crea dei miti, delle figure che sanno di mitologia, attingendo immagini dalla vita quotidiana, per aiutare se stesso a dire di più, di quello che sarebbe normalmente in grado di esprimere, con semplici parole.

Grazie alla mitopoiesi, il mito vive proprio a causa del suo essere detto, essere narrato, dentro l’opera poetica. All’interno delle Elegie Duinesi prende forma un orizzonte mitologico: aspetti della vita quotidiana si trasformano in figure mitologiche. Tali miti possono essere visti come figure dell’indicibile che sono ancora in attesa di una narrazione, come contenitori di quell’indicibile che si manifesta come silenzio nella sfera del dicibile, e che si lasciano dire proprio grazie al loro essere narrati all’interno dell’opera. Le figure aprono la via a una possibile dicibilità, dal momento che sono narrate. Solo le cose che non ci dicono nulla sono silenziose, il mito che invece si lascia narrare riesce a trasmettere parole, e aprire uno squarcio nell’indicibile. Il compito del mito non è né quello di dire se stesso né quello di dire il mondo, ma più semplicemente quello di esperire la dicibilità, ovvero tutte le possibilità del dire, per giungere a esprimere l’indibile, o quanto meno sulla soglia di questa nuova possibilità, che rimaneva prima silenziosa.

L’uomo-poeta facendo tutto ciò cerca un modo per vincere la morte, ma non la morte umana, bensì quella delle parole, della lingua. Il poeta si fa creatore di una lingua significante, creando una nuova mitologia, che non ha più nulla di religioso come nel mondo antico, ma ha carattere quotidiano. Rilke porta in scena degli amanti, un ballerino, e anche l’angelo non deve essere visto come un qualcosa di trascendente, ma come piuttosto lo strumento per superare l’indicibilità, quel momento di manifestazione estetica del poeta che riesce a giungere sulla soglia dell’indicibile, ben sapendo che il suo raggiungimento è momentaneo.

Giungere all’indicibile è un’elevazione estetica temporanea, una illusione, che però dà una grande consapevolezza al poeta: proprio mentre si dà forma all’indicibile, si prende atto del dicibile. Il poeta in quel momento è consapevole del limite, del confine che esiste fra questi due tipi di linguaggio: la lingua delle parole e quella dei silenzi. È così facendo che il poeta scopre la distanza. Il fallimento accompagna allora sempre il trionfo. Nell’analisi delle figure delle Elegie abbiamo riscontrato la stessa dicotomia di trionfo e fallimento: ad esempio i saltimbanchi, che giungono grazie all’esercizio quotidiano alla perfezione del loro spettacolo, ma che provano ancora il dolore di cadere, emozione del tutto umana, e che quindi non li fa arrivare ad essere quella figura perfetta che riesce ad andare oltre al limite.

Per mettersi in contatto con l'autrice di questa tesi:

Prima di inviare la vostra richiesta vi invito a leggere le note sul copyright (vedi sotto). Nella vostra richiesta dovete indicare:
  • nome e cognome
  • città di residenza
  • perché siete interessati all'argomento della tesina?
  • che avete letto e approvato le note sul copyright
Richieste con informazioni incomplete possono anche essere respinte.

Note sul copyright:

L'utilizzo di questo "Archivio di tesi e tesine" è gratuito ma vanno, in ogni caso, rispettati i diritti d'autore (copyright). Le cose più importanti da ricordare sono:
  • Tutte le tesi di laurea e tutte le tesine sono tutelate dal copyright, a meno che l'autore non indichi esplicitamente il contrario.
  • Se volete riprodurre (su carta o in internet) un intero testo o parti consistenti di esso, non basta citare la fonte: dovete sempre chiedere il permesso dell'autore.
  • Se volete invece citare solo dei brevi passaggi, potete farlo purché indichiate l'autore e la fonte e lo facciate a scopo di studio e documentazione e non a scopo commerciale.
  • Ogni violazione del copyright è reato e può essere punita secondo le leggi in vigore.
  • Copiare un testo e ripubblicarlo (anche solo parzialmente) in internet è molto facile, ma è altrettanto facile scoprire un testo rubato in questa maniera: ci sono dei motori di ricerca specializzati che scovano ogni plagio in cinque secondi.
 
Per contattare l'autrice della tesi
cliccate qui

Vedi anche le altre due pagine su Rainer Maria Rilke:

Rainer Maria Rilke in libreria:

Vedi anche:

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Tutte le pagine sulla letteratura austriaca:

Consiglio:

Problemi con la lingua tedesca?

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-austria.it:

Vienna  Tutte le città e regioni dell'Austria  Tutti i servizi per un viaggio in Austria 
Politica e società dell'Austria  Lingua tedesca, dialetti austriaci  Sugli austriaci e le loro tradizioni  La storia dell'Austria  Letteratura austriaca
Musica austriaca  Cinema, arte, filosofia e scienze  Austria-shop

Copyright, privacy, contatto