Storia dellì'Austria

Gli ebrei in Austria

Nel 1920, a Vienna vivevano ca. 200.000 ebrei (quasi l'11% della popolazione). La vivacità economica e culturale della capitale austriaca nell'800 e nel '900 aveva attirato molti ebrei dall'intera Europa centrale e orientale. Oggi ne sono rimasti appena 7.000.

1915: un gruppo di ebrei ortodossi a Vienna
foto: Pichler

Judenburg e Judendorf:

Molte cittadine dell'Austria meridionale conservano ancora oggi nel loro nome il ricordo della passata presenza ebraica. C'è p.e. Judenburg, il più antico insediamento ebraico nell'attuale Austria, poi ci sono Judendorf, Judenau, Judenfurt, Judenhof, Judenweis e Judenleithen (la parola tedesca per "ebreo" è "Jude"). Sono tutti paesi nati tra il 1200 e il 1400, situati lungo antiche vie commerciali, i cui nomi testimoniano il fatto che importanti commercianti ebrei dell'epoca si sono stabiliti lì fondando delle comunità.

Dalla persecuzione all'emancipazione:

Tra il 1300 e il 1700 le comunità ebraiche in Austria, che ormai costituivano una minoranza consistente e economicamente importante del paese, subirono tutti i tipi di soprusi e persecuzioni. Tassazioni esorbitanti, divieti di esercitare delle professioni riservate ai cristiani, furti legalizzati dalla convinzione che rubare a un ebreo non era peccato, fino alla periodica cacciata dalle loro case o persino alla liquidazione fisica. Gli ebrei furono regolarmente accusati di essere la causa della peste, delle catastrofi naturali, di avvelenare i pozzi, di uccidere i bambini cristiani per usarli per i loro riti religiosi e per distruggere le ostie. Tutto questo avvenne sempre con la giustificazione ideologica e spesso anche con la regia della chiesa cattolica, più tardi anche di quella protestante.


1348: un gruppo di ebrei viene bruciato in pubblico
(illustrazione dell'epoca)

"Gli ebrei sono quelli che hanno crocefisso Gesù!". Per molti secoli la chiesa, non solo in Austria, ma in tutti i paesi dell'Europa, ha alimentato convinzioni demagogiche come questa che servivano a giustificare la persecuzione e l'eliminazione della "concorrenza" religiosa. Le comunità religiose degli ebrei costituivano sempre un corpo estraneo in una società in cui la chiesa voleva essere l'autorità suprema, in campo religioso e, se possibile, anche in quello politico. L'idea della "colpa collettiva" degli ebrei per la morte di Gesù fu praticamente la condanna a morte per decine di migliaia di essi.


L'imperatore Giuseppe II (1741-1790)
che emanò i "Decreti di tolleranza"

La situazione cambiò solo nell'epoca dell'illuminismo. Nel 1781 l'imperatore Giuseppe II emanò i "Decreti di tolleranza" abolendo molte delle discriminazioni religiose nei confronti dei protestanti, degli ortodossi e degli ebrei.

Vienna - uno dei centri ebraici più importanti dell'Europa:

Ottenuta la parità di diritti con gli altri cittadini gli ebrei costruirono, soprattutto a Vienna, varie sinagoghe, tra il 1824 e il 1826 la grande sinagoga "Stadttempel" e, tra il 1854 e i 1858, la sinagoga "Leopoldstädter Tempel".


La sinagoga "Leopoldstädter Tempel" (1860)
litografia di Rudolf von Alt

Vienna, dove si respirava un'aria più libera e culturalmente più stimolante, divenne il centro della cultura ebraica in Austria, soprattutto verso la fine dell'800 e all'inizio del '900. Allora il 90% degli ebrei austriaci viveva a Vienna. Molti ebrei che abitavano nelle campagne si erano trasferiti nella capitale dove esistevano più possibilità professionali. All'inizio della prima guerra mondiale ca. 50.000 ebrei fuggirono a Vienna dai massacri provocati dell'esercito russo in Galizia, 25.000 di essi rimasero nella città anche dopo la guerra.

Tra gli ebrei viennesi ci furono molti personaggi noti, come i banchieri Rothschild, i medici e psicologi Siegmund Freud e Alfred Adler, gli scienziati Adolf Lieben e Robert von Lieben, i compositori Gustav Mahler e Arnold Schönberg, gli scrittori Hugo von Hofmannsthal, Karl Kraus, Joseph Roth e Arthur Schnitzler e molti altri ancora. La maggior parte degli ebrei famosi residenti a Vienna sono stati seppelliti nella sezione ebraica del cimitero centrale della città.

Qui alcune cifre sulla popolazione ebraica in Austria (territorio di oggi) e a Vienna:

Popolazione
dell'Austria
Ebrei
in Austria
Abitanti
di Vienna
Ebrei
a Vienna
1857 4.076.000 n.d. 476.000 2.600
1869 4.520.000 n.d. 607.000 40.000
1890 5.394.000 ca. 130.000 1.341.000 118.000
1923 6.535.000 ca. 225.000 1.866.000 202.000
1934 6.686.000 191.000 1.936.000 176.000
1938 6.680.000 182.000 1.900.000 167.000
1939 6.653.000 100.000 1.830.000 91.000
oggi 8.403.000 8.100 1.714.000 7.000

L'olocausto:

Negli anni prima del 1938 la situazione in Austria e a Vienna era caratterizzata da un crescente antisemitismo, alimentato dai partiti dell'estrema destra e dai sempre più numerosi seguaci di Hitler. Nel 1938 le truppe naziste invasero l'Austria  e tutto cambiò (per saperne di più leggi: 1938: "Anschluss" - l'annessione dell'Austria alla Germania nazista).


Vienna 1938: la polizia e alcuni passanti si divertono,
mentre alcuni ebrei sono costretti a lavare il pavimento del marciapiede.
foto: Autore sconosciuto

Le leggi razziste contro gli ebrei furono subito applicate anche in Austria e iniziò, oltre a un grande esodo di ebrei nei paesi ritenuti più sicuri, la loro persecuzione sistematica e la loro incarcerazione nei campi di concentramento, in particolare in quelli di Dachau e di Mauthausen (vicino a Linz). Nella sola Vienna, nel 1938, i nazisti distrussero 22 sinagoghe, 40 piccali oratori e il cimitero ebraico della città. Dei 182.000 ebrei che nel 1938 vissero in Austria, 120.000 riuscirono a scappare in altri paesi, 62.000 furono uccisi.

Il campo di concentramento di Mauthausen
L'entrata del campo di concentramento di Mauthausen oggi
foto: Dnalor 01

Non si può capire il dramma degli ebrei austriaci, se non si visita il campo di concentramento di Mauthausen. Vi morirono 100.000 persone, metà delle quali ebrei. Nel campo sono state mantenute le celle delle torture, le camere a gas, i forni crematori e le postazioni di guardia, a ricordo delle vittime.
Vedi anche: Il campo di concentramento di Mauthausen

Gli ebrei in Austria oggi:

Dopo la seconda guerra mondiale la sinagoga di Vienna "Stadttempel" fu completamente restaurata, come anche il cimitero erbraico della città. Vienna è tuttora il centro ebraico più importante del paese ma, come dimostrano le cifre riportate sopra, la situazione è completamente diversa rispetto a prima della guerra. Oltre a Vienna ci sono altre piccole comunità a Graz, Innsbruck, Linz e Salìsburgo. In queste città le sinagoghe sono tutte moderne: quelle antiche, dove esistevano, sono state distrutte dai nazisti.

Il monumento che ricorda gli ebrei austriaci assassinati dai nazisti (nella Judenplatz di Vienna)
foto: Hans Peter Schaefer

Libri sulla storia dell'Austria:

Commenta questa pagina:

Finora non ci sono commenti ...

Tutte le pagine sulla storia dell'Austria:

Consiglio:

Il tedesco? Nessun problema!

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:

Tutti i capitoli di www.viaggio-in-austria.it:

Vienna  Tutte le città e regioni dell'Austria  Tutti i servizi per un viaggio in Austria  Politica e società dell'Austria  Sugli austriaci e le loro tradizioni  La storia dell'Austria  Letteratura austriaca  Musica austriaca  Cinema, arte, filosofia e scienze  Austria-shop

Copyright, privacy, contatto