Viaggio in Austria - Vacanze in Austria

Alto Adige -
sulla difficile convivenza tra tedeschi e italiani

Home  Tutti i capitoli di viaggio-in-austria.it Condividere su Facebook

L'Alto Adige (Provincia Autonoma di Bolzano)
al confine tra Italia e Austria

I gruppi linguistici nell'Alto Adige:

in tutta la provincia: la diffusione del tedesco e dell'italiano in alcune città della provincia:

Premessa
Vorbemerkung:

Per evitare malintesi:
se, di seguito, parlo di altoadesini "tedeschi" o "italiani" intendo naturalmente quelli di madrelingua tedesca o italiana. Perché secondo il passaporto tutti sono italiani.

Le eterne liti sulla questione se gli altoadesini sono prima di tutto italiani, tedeschi, austriaci o tirolesi lascio volentieri agli ideologi di tutti i campi.
Um Missverständnissen vorzubeugen:
Wenn ich im Folgenden von "deutschen" oder "italienischen" Südtirolern spreche, meine ich natürlich die Südtiroler deutscher oder italienischer Muttersprache. Denn laut Pass sind alle Italiener.

Die ewigen Streitereien darüber, ob die Südtiroler in erster Linie Italiener, Deutsche, Österreicher oder Tiroler sind, überlasse ich gern den Ideologen aller Lager.
Banner lingue con CTA 300x250

Perché gli altoatesini tedeschi non amano gli italiani?
Warum lieben die deutschen Südtiroler die Italiener nicht?

Fino al 1919 l'Alto Adige era una parte dell'Austria. Dopo la Prima Guerra Mondiale, l'Italia, che era uscita dalla guerra dalla parte dei vincitori, doveva essere accontentata e ricevette questa parte dell'Austria che invece aveva perso la guerra. Il dramma incominciò nel 1922 quando Mussolini arrivò al potere. L'Alto Adige fu "italianizzato" con la forza. L'Italia cacciò non solo tutti i tedeschi dai posti strategici dell'amministrazione e dalla vita pubblica, persino la natura doveva diventare italiana: il nome di ogni bosco, ogni ruscello, di ogni montagna e paese, tutti i nomi geografici furono cambiati. Qualsiasi tradizione tedesca fu soppressa, niente doveva più ricordare un passato non-italiano. Fu una durissima umiliazione che molti "tedeschi" dell'Alto-Adige stentano ancora oggi a dimenticare. Bis 1919 gehörte Südtirol zu Österreich. Nach dem Ersten Weltkrieg musste Italien, das zu den Siegermächten gehörte, territorial zufrieden gestellt werden und bekam Südtirol von Österreich, das den Krieg verloren hatte. Das Drama begann dann 1922, als Mussolini an die Macht kam. Südtirol wurde gewaltsam "italienisiert". Italien vertrieb nicht nur die Deutschen aus allen wichtigen Positionen der Verwaltung und des öffentlichen Lebens, auch die Natur musste italienisch werden: der Name von jedem Wald, jedem Bach, jedem Berg und jedem Dorf, jede geographische Bezeichnung wurde geändert. Jegliche deutsche Tradition wurde unterdrückt, nichts sollte mehr an eine nicht-italienische Vergangenheit erinnern. Es war eine harte Erniedrigung, die viele deutsche Südtiroler bis heute noch nicht vergessen haben.

Perché gli alto-atesini italiani non amano i tedeschi?
Warum lieben die italienischen Südtiroler die Deutschen nicht?

Ormai tutto questo appartiene al passato. Oggi, il Trentino-Alto Adige è una regione con uno statuto speciale che garantisce una vasta autonomia e mezzi finanziari parecchio al di sopra rispetto alle altre regioni d'Italia. La provincia di Bolzano è "bilingue", chiunque voglia lavorare per il comune, per la provincia o la regione deve sapere sia il tedesco che l'italiano. Dopo la "stagione delle bombe" negli anni 50 e 60 in cui gli "oltranzisti" tedeschi volevano costringere l'Italia al ritiro dalla regione è tornata la pace, anche a causa di importanti concessioni economiche e politiche che lo stato italiano ha fatto alla provincia di Bolzano.

Ma nonostante ciò tedeschi e italiani hanno ancora difficoltà con la convivenza. Oggi sono spesso gli italiani a lamentarsi, oggi sono loro a sentirsi in un certo modo svantagggiati. I tedeschi si comportano delle volte con una certa arroganza che sembra un misto tra vendetta per i torti subiti nel passato e un sentimento di superiorità che vede negli italiani e nell'Italia solo le caratteristiche dei più banali luoghi comuni: gli italiani sono inefficienti, pigri e inaffidabili.
All das gehört nunmehr der Vergangenheit an. Heute ist die Region Trentino-Südtirol eine Region mit Sonderstatus, der eine weitgehende Autonomie und Finanzmittel garantiert, die weit über denen der anderen Regionen liegen. Die Provinz Bozen ist "zweisprachig", jeder der für die Gemeinde, für die Provinz oder für die Region arbeiten will, muss Deutsch und Italienisch können. Nach der "Zeit der Bomben" in den 50er und 60er Jahren, in der die Extremisten auf deutscher Seite Italien zum Rückzug aus der Region zwingen wollten, ist wieder Frieden eingekehrt, auch aufgrund weitgehender finanzieller und politischer Zugeständnisse des italienischen Staates an die Provinz Bozen.

Aber trotz alledem haben Deutsche und Italiener immer noch Schwierigkeiten mit dem Zusammenleben. Heute sind es oft die Italiener, die sich beschweren, heute sind sie es, die sich in gewisser Weise benachteiligt fühlen. Die "Deutschen" verhalten sich manchmal mit einer gewissen Überheblichkeit, die wie eine Mischung aus Rache für das in der Vergangenheit erlittene Unrecht und einem Gefühl der Überlegenheit erscheint, die in den Italienern und in Italien nur die Eigenschaften erkennt, die man in den banalsten Allgemeinplätzen wieder findet: die Italiener sind ineffizient, faul und unzuverlässig.
300x250nuovoanno

Turisti tedeschi e italiani
Deutsche und italienische Touristen

I turisti tedeschi difficilmente si accorgeranno di questi problemi. Ma anche molti turisti italiani ci vanno volentieri e vengono trattati bene, infine portano parecchi soldi e l'Alto Adige vive per lo più dal turismo. Ma sfogliando i due quotidiani della regione, "Dolomiten" (quotidiano tedesco) e "Alto Adige" (quotidiano italiano) ci si accorge che le tensioni tra le due etnie non sono affatto sparite. Sono le persone che vivono lì che sentono di più il disagio dell'irrisolto "problema etnico". I turisti invece, tedeschi o italiani che siano, vengono e vanno. Die deutschen Touristen werden von all dem kaum etwas mitbekommen. Aber auch viele italienische Touristen fahren gern dorthin und werden gut behandelt, schließlich bringen sie viel Geld und wer Geld bringt ist immer willkommen. Aber ein Blick in die zwei Tageszeitungen der Region, "Dolomiten" (deutsch) und "Alto Adige (italienisch), zeigt, dass die Spannungen zwischen den beiden Volksgruppen keineswegs verschwunden sind. Es sind die Leute, die dort leben, die die unangenehmen Aspekte der ungelösten "etnischen Problematik" stärker erfahren. Die Touristen dagegen, Deutsche oder Italiener, kommen und gehen.

Un problema senza soluzione?
Ein Problem ohne Lösung?

Molti vedono nell'Alto Adige una specie di isola felice, un "pezzo della Germania (o dell'Austria, a seconda del gusto) in Italia". Le strade sono più pulite, l'amministrazione funziona meglio, insomma ci si sente quasi come in Germania o in Austria. Ma sullo sfondo c'è sempre quel problema irrisolto della convivenza tra la parte tedesca e quella italiana della popolazione.

Ci sono due atteggiamenti molto diffusi che certamente non migliorano la situazione: da una parte i tedeschi (o almeno una parte di loro) che si ostinano a non voler riconoscere gli italiani come cittadini dello stesso livello e dall'altra parte gli italiani (o almeno una parte di loro) che si sentono offesi nel loro orgoglio e che hanno come unico argomento: "siamo in Italia, rispettate questo fatto e adeguatevi!".

E poi ci sono ancora quelli, che negano qualsiasi problema, probabvilmente perché secondo loro la discussione pubblica potrebbe disturbare il turismo.

Quelli che cercano una via "tra le etnie" fanno fatica a farsi sentire. Ma né l'arroganza da una parte, né l'orgoglio ferito dall'altra - e meno di tutto la politica dello struzzo - risolveranno i problemi di questa - bellissima - regione dell'Italia!
Viele sehen in Südtirol eine Art von glücklicher Insel, ein "Teil von Deutschland (oder von Österreich, je nach Geschmack) in Italien". Die Straßen sind sauberer, die Verwaltung funktioniert besser, man fühlt sich dort fast wie in Deutschland oder in Österreich. Aber im Hintergrund ist da immer noch jenes ungelöste Problem des Zusammenlebens zwischen dem deutschen und dem italienischen Bevölkerungsteil.

Es gibt zwei weit verbreitete Einstellungen, die die Situation sicher nicht verbessern: auf der einen Seite die deutschen Südtiroler (oder doch wenigstens ein Teil von ihnen), die sich konsequent weigern, die Italiener als gleichwertige Mitbürger zu betrachten und auf der anderen Seite die Italiener (oder doch wenigsten ein Teil von ihnen), die sich in ihrem Stolz verletzt fühlen und die als einziges Argument haben: "wir sind in Italien, und ihr müsst das zur Kenntnis nehmen".

Und dann gibt es noch diejenigen, die alle Probleme leugnen, wahrscheinlich weil ihrer Meinung nach die öffentliche Diskussion den Tourismus stören könnte.

Diejenigen, die einen Weg "zwischen den Ethnien" suchen, haben Mühe, ihre Stimme zur Geltung zu bringen. Aber weder die Arroganz auf der einen, noch der verletzte Stolz auf der anderen - und schon gar nicht die Vogel-Strauß-Politik - lösen die Probleme dieser wunderschönen Region Italiens!

Dove soggiornare nell'Alto Adige?

Hotel e pensioni in Alto Adige
Appartamenti e case di vacanze in Alto Adige

Sulla storia recente dell'Alto Adige:

Lili Gruber: Eredità
Eredità
di Lili Gruber
Lili Gruber: Tempesta
Tempesta
di Lili Gruber

Ci sono 24 commenti a questa pagina:

commento Aggiungi un tuo commento
Laurent Laurent:
Le scrivo dalla Francia e leggo con molto interesse l'articolo e i commenti.
Vado annualmente, da mezzo secolo ormai, nei Grigioni (Svizzera) e nelle Dolomiti; penso di conoscere abbastanza bene i luoghi e le persone. Da anni mi interesso di antropologia e storia.

Effettivamente, la germanizzazione é stata forte nel Tirolo e il popolo autoctono, i Ladini, ha subito una invasione a larga scala dagli abitanti dell'Impero Austro Ungarico e Germania. Uno degli esempi più eclatanti di questa germanizzazione, avvenuta anche in epoca recente (poco prima la prima guerra mondiale), é la transformazione forzata dei cognomi.

Il cognome "Kostner", per esempio, é in realta "Costa", e "Thaler" è in realtà "Val". La storia di questo popolo é stata per cosi' dire parzialmente cancellata. L'identità di queste persone modificata. Tutti pensano che siano persone di origine tedesca o austriaca, ma invece no!

La questione dell'annessione del Tirolo de Sud all'Italia é solo una piccola parte del problema. I "nuovi" abitanti di lingua tedesca, sono diventati una maggioranza nelle valli e nelle montagne rispetto ai Ladini; ma non sono il popolo autoctono. Questa bellissima zona era una via di comunicazione tra il sud (latino) e il nord (tedesco) e, i Ladini, sono chiaramente un popolo di lingua latina con caratteristiche culturali specifiche. Non so a chi appartenga il Sud Tirolo, quello che é sicuro é che non é Impero Austro Ungarico.

Tutte queste informazioni, e molte altre che raramente i separatisti Sud-Tirolesi evocano, si trovano facilmente su internet (wikipedia e altri siti, tra cui dei siti internet tenuto da ladini). Io sono di madrelingua francese e tutte le ricerche le faccio in questa lingua. Effettivamente, la nozione di germanizzazione é molto più facile trovarla in Francia che in Italia (purtroppo non parlo il tedesco e non ho potuto fare ricerche in questa lingua).
(07/12/16)

Wolfgang Pruscha risponde:
Ha ragione, ma voglio aggiungere una cosa: andando ancora di più indietro nel tempo troveremo sicuramente altre etnie, che sono state soppiantate dai Ladini. Secondo me, le domande "A chi appartiene il Sud Tirol?" e "Chi è il popolo autoctono?" non hanno tanto senso. La ricerca storica è importante e necessaria, ma non sempre fornisce risposte soddisfacenti ai problemi di oggi.
(10/12/16)

Danilo Scopece:
Per rispetto della loro identita’ culturale io preferirei che tornassero con l’Austria o che costituissero uno stato modello San Marino. Non sono e non si sentiranno mai italiani se non per convenienza.
(03/10/16)

Rosario Franco Catania:
Parlo da siciliano che ha vissuto prevalentemente nella svizzera-tedesca, conosco mondo e mentalità di entrambe culture italiana e tedesca e devo ammettere che non sono conciliabili. Alcune parti dello stivale devono convivere con la cultura della mafia, della n'drangheta, della sacra corona unità, più le varie delinquente organizzate localmente. Chi vive a contatto con queste realtà che piaccia o no si deve confrontare con esse. Immagino il fastidio che deve provare un Südtiroler nel vedere un telegiornale che parla di cittá sporche, truffe, estorsioni, pizzo, rapine, sparatorie, incendi dolosi tutte le estati, noncuranza totale verso il verde, inquinamento delle acque, gente che muore di tumore nelle terre dei fuochi. Secondo me ci vuol coraggio nel pretendere l'italianizzazione. Più si scende a sud e più si sente quello che era in principio il mondo, ovvero il CAOS. La Sicilia é l'unica regione a statuto autonomo che può trattenere tutte le entrate tributarie riscosse nell' isola, guardate il risultato. Inoltre siccome non bastano ci divoriamo pure quelle delle altre regioni con un buco al bilancio che non ha eguali.
(22/09/16)

Adriana Frausin:

Onestamente credo che l'Italia debba mettersi una mano sulla coscienza e ammettere di aver sbagliato, ridare la libertà ad una regione che mai sara italiana, a un popolo che mai si sentira' italiano. Roma si faccia da parte. Alles gute Südtirol!
(17/09/16)

Alessandro Tenga:
Mi sono alzato su autobus per far sedere una persona anziana di lingua tedesca. Non mi ha neppure detto grazie né in italiano né in tedesco. Sono arroganti. Lo dico da turista.
(30/08/16)

Wolfgang Pruscha risponde:
Mi dispiace per questa esperienza negativa in Alto Adige.
Ma lei non crede che cose del genere possano capitare anche nel resto dell'Italia, o in Germania o in Austria? Chiamerebbe per questo "arroganti" anche tutti gli italiani, austriaci e tedeschi?
(31/08/16)

Roberto Alibardi:
Vorrei fare un ragionamento a 360 gradi :
Se guardiamo il passato ci sono stati vinti e vincitori: i romani ad esempio per un periodo molto vasto hanno comandato questi territori come poi alla fine hanno ceduto anche loro con le invasioni barbariche. Il presente dice cosa?
Viviamo in uno stato senza identità e attributi. Dove chi ruba ma con un buon avvocato (senza etica professionale) vince sempre! Regno degli inciuci fin dai livelli politici più bassi.
Poi ci risentiamo se queste persone magari hanno piu privilegi! E la Sicilia, la Sardegna. Dovrebbero essere come loro e perché non lo sono?
Allora dico: se fossimo un paese tosto e ligio nel far rispettare leggi senza sottostare a direttive che ci danneggiano (perché non andare fuori da Europa? Ah già lasciamo stare ... siamo degli incapaci.. non riusciremo mai a sopravvivere senza L'EUROPA!)
Sarei il primo a lasciarli andare sotto l'Austria. Li regalerei proprio con fiocco regalo anche e darei risorse ad altre regioni che dico io!
Siccome però siamo una nazione di derelitti tanto vale buttare i soldi a chi li spende bene no?
(11/07/16)

Wolfgang Pruscha risponde:
Rispondo all'unica frase che ha qualche riferimento all'Alto Adige: "Sarei il primo a lasciarli andare sotto l'Austria." Sarei grato se qualcuno mi dicesse chi in Alto Adige vuole andare "sotto Austria"?? A parte qualche estremista nessuno. E anche in Austria è difficile trovare qualcuno che vuole seriamente prendersi l'Alto Adige.
Il resto del "ragionamento" a 360 gradi mi sembra piuttosto uno "sfogo rabbioso" a 360 gradi in cui faccio fatica di trovare qualcos di ragionevole.
(14/07/16)

Vincenzo Ferraresi:
La gran parte dei commenti é stata espressa da persone che dell'Alto Adige e dei Sudtirolesi conoscono ben poco!

Vadano a rileggersi il libro di Sebastiano Vassalli "Sangue e suolo" edito già nel 1985: Viaggio tra gli italiani trasparenti.
Oggi la situazione non é cambiata gran ché. La differenza sta nel fatto che gli italiani vanno in vacanza ad ammirare i prati, i boschi e le montagne e non si rendono affatto conto della realtà. Questi signori hanno avuto tutto, anzi troppo. Qualcuno ha menzionato gli italiani nati in Istria (oltre 300.000) cacciati ignobilmente; nessuno di loro ha usato le bombe e i fucili per far valere i propri diritti. Andatevi a leggere "Nata in Istria" di Anna Maria Mori.
(17/05/16)

Maria Grazia Zollo:
Premetto che non sono di quelle terre, quindi non vorrei assolutamente dire sciocchezze o fare torto a qualcuno.
Forse, come in tutte le terre al confine fra due etnie grandi, ricche di storia e in contrasto (e perciò terre in qualche modo ferite, spesso soggette ad inculturazioni e invasioni, lacerate fra le diverse ideologie), secondo il mio modesto avviso, sarebbe saggio risalire agli eventi storici... non solo degli ultimi secoli ma fin dall'antichità. Poi, cercare sicuramente la via della pace e del rispetto reciproco. Ma innanzitutto cercare la Verità. La Storia, anche la più antica... fino a quella più recente.
Mi permetto di inserire link sulla storia di Bolzano, tratto da Wikipedia. Mi sembra corretto ed equilibrato. Ma appunto, non essendo tirolese non so se le notizie qui fornire siano tutte esatte.
https://it.m.wikipedia.org/wiki/Bolzano

Mi permetto (sempre da Wikipedia è mi scuso di non citare fonti più autorevoli), di inserire il seguente link, relativo alla zona geografica del Norico: https://it.m.wikipedia.org/wiki/Norico
All'inizio popoli Veneti, Illiri e Celti (a "macchia di leopardo" io aggiungo Camuni/Liguri nelle zone più a sud, verso le zone pre alpine), poi l'arrivo delle popolazioni di etnia germanica (tra caduta impero romano / Alto - Basso Medioevo) e la conseguente fusione.
Forse, (se sbaglio correggetemi) le popolazioni del Tirolo sono frutto di un'unione fra le varie etnie, ma ripeto, pur essendo appassionata di storia, non essendo del luogo, temo di fare errori.
Volutamente non mi sono concentrata nella tormentata storia dei secpli XIX e XX, ma ho voluto dare una "sbirciata" anche nel secoli addietro.
(04/05/16)

Wolfgang Pruscha risponde:
Senza scendere nei detagli credo di poter dire che tra i popoli europei di oggi non ci sia uno che NON sia il risultato di unioni tra altre etnie precedenti.
(10/05/16)

Sandro:
Ca. 800 anni di storia tirolese e ca. 1000 anni nel Sacro Romano Impero non si possono cancellare. Il Süd- Welschtirol (Trentino Ato Adige) non è Italia, noi non volevamo esser liberati, siamo stati conquistati a forza! Questo devono accettare gli italiani che vivono nella nostra regione. Io ho il passaporto italiano però il cuore TIROLESE.
(09/12/15)

Romano Darida:
Penso che adesso le istituzioni garantiscano i diritti di tutti italia e tirolesi rimane solo dar spazio al buonsenso nell'animo della gente. I tirolesi metabolizzino il fatto che adesso sono ampiamente tutelati da tutti i punti di vista e che i motivi di rancore sono oramai sfumati... gli italiani non possono pagare per l'eternita gli orrori di un dittatore le cui vittime per primi sono stati gli italiani stessi.
Adesso è un altra Italia... gli italiani metabolizzino che al di là dei confini nazionali, patrie ecc. i tirolesi sono di cultura e lingua diversa, ci sono in quella terra da secoli prima di noi e cio va considerato e rispettato. E una terra ricca e bella, lo stato italiano repubblicano ha bene operato (agevolazioni fiscali ed economiche alla grande) ma datevi tutti una calmata! Imparate a godervi la situazione, voletevi bene... e smettete di pensare al passato. Avete uno dei presenti piu belli d'Europa e nessun altra situazione potrebbe essere migliore (io personalmente sono stato in Alto Adige e i tirolesi non mi sono per niente simpatici, anzi.)
(08/10/15)

Marco Fabbrini:
RICORDIAMOCI CHE FACCIAMO PARTE DELL’UNIONE EUROPEA SE ANCORA CI SONO CERTI CAMPANILISMI COME FACCIAMO A MANTENERE TALE UNIONE.
(20/08/15)

Patrizio Bucher:
Ricordo ai cari tedescofoni che poco più di 100 anni prima dell'annessione da parte dell'Italia, sono stati gli Austriaci a venire a sud delle Alpi FORZANDO TUTTA LA POPOLAZIONE CHE VIVEVA LI E DI LINGUA LADINA AD ADOTTARE IL TEDESCO.
Quindi i tedescofoni non sono gli abitanti originari e neppure i padroni di queste vallate!!
Per fortuna da noi in Ticino gli Svizzeri-Tedeschi non hanno fatto lo stesso e siamo la prima Repubblica/Cantone la cui costituzione sancisce l'italiano come UNICA LINGUA UFFICIALE.
(26/06/15)

Wolfgang Pruscha risponde:
1) Sta facendo confusione tra "tedescofoni" e "austriaci". I tedescofoni (quelli che parlano tedesco o almeno un dialetto del tedesco) sono stati, praticamente da sempre, la stragrande maggioranza in quella regione, anzi, fino alla fine della prima guerra mondiale rappresentavano sempre il 90% della popolazione (adesso la percentuale è scesa al 62%).
2) Gli austriaci non sono venuti in Alto Adige, come scrive lei, "poco più di 100 anni prima dell'annessione da parte dell'Italia", gli Asburgo hanno regnato lì, con poche interruzioni, dal 1368 fino al 1918.
3) Sarei grato se mi potesse indicare le fonti dalle quali risulta che gli austriaci avessero forzato quelli che parlavano la lingua ladina ad adottare il tedesco. Non ne so niente.
(29/06/15)

Carlo Porta:
Nella complessa vicenda dei confini nazionali, l'Alto Adige rappresenta solo una parte del problema. Mentre gli italiani hanno subito: ad est l'esodo istriano dalmata giuliano ed a ovest quello nizzardo, con la cancellazione della cultura e dell'elemento italiano in quelle terre, risulta singolare che l'unico problema sia quel confine su cui si risultò vincitori. Non è una considerazione nazionalistica, ma solo la segnalazione di un problema: la mancanza di reciprocità nel rispetto delle minoranze etniche. Problema che si presenta anche in Alto Adige, dove la componente germanofona cerca di strappare sempre nuove agevolazioni anacronistiche e contemporaneamente, cerca in ogni modo di assimilare i ladini.
(10/03/15)

Luigi Montotti:
Volevo solo aggiungere qualche considerazione secondo me importante.

Il territorio dell'Alto Adige è stato annesso perché' l'Italia ha vinto la Prima Guerra Mondiale, con il trattato di Saint Germain del 1919 fu quindi annesso questo territorio ma non era stata esplicitata nessuna forma di tutela delle minoranze. Tuttavia Vittorio Emanuele II non effettuò alcun tipo di discriminazioni tanto che anche da un punto di vista linguistico non fu immediatamente richiesta la lingua italiana per le istituzioni locali.

Fu Mussolini che impose tutt'altra linea introducendo l'italiano forzato nelle istituzioni e un atteggiamento ostile verso i tirolesi, tristemente memorabile fu l'uccisione di Franz Innerhofer.
Certo però anche Hitler con gli italiani non si comportò bene , anzi: il caso degli IMI (Internati Militari Italiani) internati nei campi di lavori forzati ancora oggi è materia di discussione.

Dal mio punto di vista personale quando sono stato a Bolzano ho notato che le persone di origine tedesca in media non parlano bene in italiano, ma si comportano in maniera amichevole e penso che questa sia la cosa più importante in un periodo storico globale come il nostro, tra l'altro vivono molti extraeuropei a Bolzano , come ad esempio i cinesi.

In conclusione penso che le tematiche che portano alla divisione andrebbero superate sia da parte italiana che tedesca; non siamo forse all'interno dell'Unione Europea?
(28/08/14)

Tiziana Capogna:
Io l'Alto Adige l'ho conosciuto da molto piccola e sono ricordi sbiaditi, dopo non c'ho più rimesso piede. Per motivi di lavoro, ho conosciuto due colleghi altoatesini in Germania che, con i loro consigli e con la loro estrema disponibilità hanno mostrato molto più calore e amicizia - a fatti - di quanto la maggior parte degli Italiani fanno. Non mi conoscevano, io non avevo niente da offrire a loro se non l'amicizia di una persona che all'estero non conosce nessuno, eppure … non solo è andato tutto liscio come l'olio ma si sono dimostrati veri amici - a fatti, non a parole - e io li considero tali. Un abbraccio a Christoph ed a Egon.
(13/07/14)

Angelo Golisani:
Questa è una terra fantastica che ancora non incorpora il degrado civile che sconvolge il nostro paese, preservatela e custodite la cultura, la passione e l'educazione che nella vostra tradizione rende un piccolo territorio unico e indimenticabile, la vostra lingua e la vostra cultura siano le basi per una integrazione rispettosa nelle diversità.
(09/02/14)

Leandro Iseppi:
L’Alto Adige/Sud Tirol è una splendida opportunità per unire due culture ricchissime, diverse, ma complementari.

Mi dispiace per i bolzanini italiani se sono effettivamente discriminati; in questo caso non so che dire. Ma da turista frequento da più di 50 anni l’Alto Adige e non mi sono mai sentito trattato solo “professionalmente "da persone di lingua tedesca o di lingua ladina. Ho sempre avvertito un calore che va al di là della gentilezza (tra l’altro, le donne di lingua tedesca sono splendide!). Certo, non sono mai entrato da nessuna parte (alberghi, bar, etc.) pretendendo che le persone parlino solo italiano, come fanno tanti connazionali che continuano a pensare (e dire!) “Ma perché parlano tedesco, qui siamo in Italia!” Magari glielo spiattellano anche in faccia! Non hanno capito nulla.
L’Italia è una realtà in cui si parla più di 30 tra lingue e dialetti diversi; sta a noi conoscerne più di una/o o di due e riuscire a dialogare con tutti.

Non c’è niente di più stimolante che frequentare liberamente un ambiente multi-lingue (e quindi multiculturale) e riuscire a dialogare con tutti. Forza tedeschi, italiani e ladini del SudTirol/ AltoAdige! Siete unici! Credeteci e abbandonate le discriminazioni residue; il mondo ha ormai da essere multietnico, multi religioso, multiculturale!
(31/01/14)

Leandro Iseppi:
Pur concordando con quanto esposto da altri penso che la recrudescenza dell’insofferenza sudtirolese sia dovuta anche al particolare momento italiano, il paese sta affondando e loro che non si sentono italiani vogliono cogliere il momento favorevole, per la debolezza dei Governi italiani, e creare un’entità tirolese o almeno tentare di riunirsi con il Tirolo austriaco.
(23/01/14)

Wolfgang Pruscha risponde:
Non sono dell'Alto Adige, ma posso assicurare con certezza che "l’insofferenza sudtirolese" ha molto poco a che fare con il momento difficile che vive l'Italia. Come spiegato nell'articolo i problemi sono nati con l'annessione dell'Alto Adige all'Italia dopo la prima guerra mondiale, peggiorati molto con la politica di "italianizzazione" forzata di Mussolini. Tra l'altro, i problemi erano molto più gravi negli anni '50-60 del secolo scorso, quando l'ala più estremista dei sudtirolesi buttava anche le bombe.
(26/01/14)

Marco Fanciulli:
Una volta e per tutte diciamo pane al pane e vino al vino. Evitiamo inutili diatribe su orgogli feriti e presunte superiorità.

IL SUDTIROLO E' UN'AREA DI LINGUA E CULTURA TEDESCA. STORICAMENTE LO E' SEMPRE STATA. solo dal 1919 è stata annessa all'Italia come contentino per la guerra vinta. Lo dico da italiano di Milano e non da sudtirolese.

Purtroppo non si può liquidare la storia e la presenza di un passato ingombrante: se ci sono dei risentimenti fra le etnie è dovuto principalmente alla politica di Mussolini nei confronti dei sudtirolesi. La forzata assimilazione di un popolo alla cultura del paese padrone è sempre e comunque un atto di prepotenza, a prescindere da chi venga. A questo bisogna aggiungere altri soprusi, oltre al semplice fatto dell'appartenenza auna cultura diversa che è stata soggiogata.

Non si può assimilare i sudtirolesi all'Italia perché NON SONO ITALIANI. Ne etnicamente, né culturalmente.
Detto da un italiano.
(13/01/14)

Vincenzo:
Penso sia ora di lasciare alle spalle il passato ed unirci per andare avanti nel rispetto delle proprie etnie, nella fratellanza cristiana, ed volerci bene, non si può sempre pensare al passato che ha diviso i popoli con le guerre e con tanti ragazzi che persero la vita a soli vent'anni. Un mio augurio a tutti gli uomini di buona volontà.
(23/12/2012)

Silvana:
Finché la scuola non si adeguerà e preparerà cittadini perfettamente bilingui, la convivenza sarà sempre difficile, meno in città ma più nei paesi. I Sudtirolesi devono capire che siamo in Europa e allargare la loro visione del futuro, gli italiani devono sforzarsi di più ad imparare la lingua degli altri per maggior comprensione: conoscere altre culture è sempre un grande arricchimento personale e aiuta in tutti i campi..
(17/12/13)

Antonino Caudullo:
Non c'è nulla da aggiungere. L'alto Adige è e resterà italiano e bisogna tutelare e difendere l'etnia italiana che viene sempre più spesso discriminata pur essendo nella propria Patria. Siamo l'unico Paese le cui istituzioni non vogliono difendere i diritti dei propri connazionali. Ora e per sempre VIVA L'ITALIA!
(27/06/12)

Wolfgang Pruscha risponde:
Secondo me, chi non cerca di vedere anche le ragioni dell'altra parte non può capire niente.
(28/06/12)

Fulvio Zanoni:
Da sempre noi "Welschen" trentini ci sentiamo, nonostante la lingua, molto più affini ai sudtirolesi tedeschi piuttosto che agli altoatesini italiani. Mille anni di storia comune non sono una inezia! Spero che l'eventuale doppio passaporto austriaco, qualora dovesse essere concesso ai sudtirolesi, sia esteso anche a noi trentini di lingua italiana.
(27/06/2012)

Stefano Bernstein:
Ho scoperto per caso questo sito, bello!
Con riferimento alla convivenza tra italiani e Eingeborenen in Südtirol penso che possa essere utile rammentare un fatto importante, che riguarda, tra l'altro anche il Welschtirol (Trentino).
Quella regione è l'unica annessa alla nazione dei Savoia SENZA un referendum. Possiamo tranquillamente parlare di conquista e NON di liberazione. I servizi segreti italiani infatti, all'inizio del 1919 sconsigliarono di organizzare il referendum in quanto l'esito non era affatto scontato neppure in trentino! Questa notizia è censurata e ignorata in qualsiasi libro scolastico di storia! Le malefatte del nuovo governo italiano furono moltissime in tutta la regione, anche in trentino, culminando però con l'italianizzazione forzata dei südtiroler.
(30/05/12)

Altre pagine sull'Alto Adige:

I nomi geografici dell'Alto Adige - sul "bilinguismo geografico"
I nomi geografici
dell'Alto Adige
Andreas Hofer
Andreas Hofer

.

Informazioni su altri paesi e regioni di lingua tedesca:

Scopri tutte le mete turistiche più belle dell'Austria:

Tutte le città e regioni dell'Austria
Tutte le città e regioni dell'Austria

Da non perdere:

Austria-shop
Austria-shop:
Libri, film, musica, T-shirt, vestiti tradizionali,
specialità culinarie austriache
L'Austria in Facebook
Facebook:
"Mi piace l'Austria"
Un gruppo di discussione simpatico e vivace

Consiglio:

Traduzioni? Nessun problema!

Translated.net:
Traduzioni in 80 lingue - Consegna in 24 ore
Preventivo in 5 secondi

Iscrivetevi gratuitamente alla newsletter:

Per essere sempre aggiornati sulle novità!

Home   Tutti i capitoli di viaggio-in-austria.it

Copyright, privacy, contatto